"Progettiamo il Futuro" (Robotica Educativa)

Tipologia dell'ente/Kind of organization: 
Scuola dell'Infanzia
Nome dell'ente che lo ha realizzato/Organization-institute presenting the project: 
Scuola dell'Infanzia "Don Rosario Trono" Istituto Comprensivo "Gianserio Strafella" Polo1 di Copertino
Regione/Region: 
Puglia
Paese/ Country: 
Italia
Città/City: 
Copertino (Lecce)
Descrizione del progetto/Describe the project : 
Il progetto "Progettiamo il Futuro" di Coding e Robotica è un percorso di apprendimento scolastico, organizzato in varie attività didattiche, che ha coinvolto i bambini della Scuola dell’Infanzia “Don Rosario Trono” del 1 Comprensivo di Copertino (Lecce). In qualità di Referente del Progetto da anni curo la stesura dello stesso e organizzo tutte le attività didattiche e laboratoriali, la mia formazione Pedagogica (Laurea in Scienze dell’Educazione; Laurea specialistica in Innovazione Didattica ed Inclusione Scolastica; Master in Organizzazione e Gestione delle Istituzioni scolastiche in contesti multiculturali; attualmente sono Pedagogista per ANPE-Associazione Nazionale dei Pedagogisti Italiani di Roma) e Psicologica (Laurea magistrale in Psicologia Comportamentale e Cognitiva Applicata), associata alla specializzazione in ambito informatico di Coding e Robotica (Master Code4Edu in Coding e Robotica; attualmente sono Esaminatore AICA e Formatore della Didattica Innovativa EIPASS), hanno permesso di perfezionare un percorso di apprendimento capace di unire le tradizionali metodologie didattiche con quelle innovative, rispondendo così alle attuali esigenze formative. Il progetto ha previsto la produzione di un grande libro ludico, in cui viene raccontata una storia inedita, che rappresenta la descrizione del percorso scolastico effettuato da una bambina, che piccolissima inizia a frequentare la Scuola dell’Infanzia meravigliandosi del nuovo mondo e scoprendo la bellezza della conoscenza. Nella Scuola si cresce imparando, dall’Infanzia alla Primaria, alla Secondaria di Primo Grado…Tutto è bellezza: Italiano, Matematica, Storia, Geografia e Musica; la bellezza della Conoscenza che si trasforma in Amore del Sapere e passione per l’Insegnamento, perché quella bambina diventerà una maestra. Il libro di 12 pagine, è stato realizzato su pannelli di cartone e arricchito con tessuti di vario genere; 6 pagine contengono la storia in rima, le altre 6 pagine contengono gli assi cartesiani sui quali è rappresentata la storia attraverso piccoli disegni realizzati dai bambini. I bambini hanno potuto leggere la storia personalmente, grazie al metodo coding, utilizzando gli assi cartesiani e spostando le bee bot secondo le indicazioni del narratore. I disegni presenti sugli assi cartesiani e la storia scritta richiamano indicazioni del metodo Montessori e Ferreiro-Teberosky. Il libro include le varie discipline Italiano, Storia, Musica e Matematica; mentre i quadretti rappresentano l’arte con riferimento alla Robotica. Il progetto è stato realizzato per la prima volta nell'anno scolastico 2016/2017 ed è stato riproposto ogni anno incluso l’a.s. 2020/2021, interessante in merito a tale iniziativa l’articolo (allegato) pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno. Tra i principali obiettivi perseguiti, con la realizzazione del progetto Coding e Robotica, si evidenzia il raggiungimento del successo scolastico e dell’autonomia nei suoi diversi aspetti per ogni alunno, con particolare attenzione all’inclusione di tutti gli alunni stranieri all’interno della realtà scolastica. Un’azione educativa mirata, in grado di evidenziare le potenzialità individuali di ciascun bambino, valorizzando le differenze, trasformandole in risorse. Difficoltà di inserimento nel contesto scolastico degli alunni stranieri, difficoltà di rielaborazione verbale di una storia, difficoltà di rielaborazione grafica ed in sequenza di un racconto, miglioramento collaborativo nel lavoro di gruppo. Le problematiche elencate in precedenza, scaturiscono dalla frequenza scolastica in particolare di alunni stranieri di età compresa dai 3 anni ai 5 anni, spesso questi bambini non conoscono la lingua italiana e vivono la fase di socializzazione secondaria con estrema timidezza, manifestando particolari disagi. Da ciò è nata l’esigenza di un progetto con nuove strategie educativo-didattiche, al fine di aiutare i bambini stranieri e non solo, nella fase di accoglienza della Scuola dell’Infanzia, favorendo per loro la socializzazione nel gruppo dei pari e la conoscenza della lingua italiana, come L2; garantendo, per gli alunni italiani, un potenziamento delle regole di convivenza civile ed un arricchimento del vocabolario italiano.
Link al video di presentazione/Link to the presentation video: 
https://youtu.be/dzoqYL5nyxk
Categoria del progetto/Project category : 
Educazione fino a 10 anni/Up to 10 years
Uso delle tecnologie / Use of technologies: 
Nel progetto "Progettiamo il Futuro" sono state proposte delle attività in cui è stato previsto l’utilizzo di piccoli robot (Ape bee-bot, robottino DOC, robottino M-Tiny), i bambini come dei veri “programmatori”, stimolati dalla loro capacità creativa e di immaginazione, sono riusciti ad elaborare procedimenti per la risoluzione di problemi, sviluppando nuove idee utili per il raggiungimento di scopi prefissati. Tutti i percorsi proposti nei giochi di coding hanno introdotto implicitamente anche attività di problem solving, learning by playing e cooperative learning. Bee Bot, Doc, M-Tiny sono robot programmabili da pavimento, che permettono ai bambini di avvicinarsi al mondo della robotica, imparando a contare, sviluppando la logica, apprendendo le basi dei linguaggi di programmazione. Il guscio di Bee Bot è in plastica resistente. Sul dorso ci sono quattro tasti freccia che consentono di impartire i comandi a questa piccola ape robot che può, tra l’altro, memorizzare fino a quaranta comandi e muoversi lungo un percorso predefinito. Suoni e luci consentono ai bambini di capire se i comandi sono stati memorizzati. DOC è un piccolo robot umanoide prodotto da Clementoni. Si muove su percorsi predefiniti, usando i tasti che si trovano sulla sua testa. Se sbagli direzione, DOC ti corregge e ti invita a riprovare. Con lui, i bambini imparano giocando. A conclusione del progetto, è stato realizzato un grande libro ludico, utile al compito di realtà, le pagine contenevano i disegni realizzati dai bambini ed inseriti all’interno degli schemi cartesiani. Nel libro è stata raccontata una storia scritta in rima incentrata sul tema “La Scuola produce bellezza Crescendo e Imparando”, libro (dimensioni 1.30 X 1.00) realizzato con cartone e materiale di riciclo. Il libro di 12 pagine, è stato realizzato su pannelli di cartone e arricchito con tessuti di vario genere, 6 pagine contengono la storia in rima, le altre 6 pagine contengono gli assi cartesiani sui quali è stata rappresentata la storia attraverso i disegni dei bambini. I bambini con i loro disegni hanno riassunto e raccontato la storia e posizionando le loro rappresentazioni grafiche sugli assi cartesiani, hanno ripercorso la narrazione, con l’uso dei robot e il metodo coding, leggendo in autonomia. I disegni presenti sugli assi cartesiani e la storia scritta richiamano elementi del metodo Montessori e Ferreiro-Teberosky.
Indicare gli elementi di innovazione del progetto / What are the innovative aspects of the project?: 
Il progetto "Progettiamo il Futuro" di Coding e Robotica rispetta le Indicazioni Nazionali e il principale obiettivo di “Programmare sui banchi di scuola”. Innovativo è stato l'utilizzo di App intuitive come Bee-bot, Doc e M-Tiny, a completamento di attività grafico pittoriche e di attività motorie e giochi di movimento e sequenze logiche. La didattica tradizionale è stata trasformata grazie all'utilizzo del pensiero computazionale, un processo mentale per la risoluzione di problemi costituito dalla combinazione di metodi caratteristici e di strumenti intellettuali, entrambi di valore generale. Dall'osservazione della situazione, alla formulazione di un’ipotesi, passando per l’attuazione dell’esperimento, fino all'analisi dei risultati. Insegnare a programmare vuol dire pertanto dare la possibilità di imparare le logiche del pensiero computazionale e in senso più lato imparare ad imparare. Proprio per questo motivo è importante oltrepassare le logiche dell’informatica tradizionale per arrivare a parlare di coding. Per fare ciò è indispensabile superare la didattica usuale per attuare nuove strategie di insegnamento dove il docente diviene in questo nuovo contesto un facilitatore di apprendimento. Il modo più semplice e divertente di sviluppare il “pensiero computazionale” è attraverso la programmazione coding in un contesto di gioco. Il gioco è per sua natura e per suo stato educante; infatti è attraverso di esso che i bambini e le bambine imparano a conoscere il mondo, a sperimentare il valore delle regole, a stare con gli altri, a gestire le proprie emozioni, a scoprire nuovi percorsi di autonomia e a sperimentare per tentativi ed errori. Il progetto ha proposto percorsi, di programmazione per lo sviluppo e l’allenamento del pensiero computazionale, grazie all'utilizzo attivo e consapevole del mezzo tecnologico (Robot), in tal modo sono state sperimentate nuove modalità e nuovi contesti utili a riflettere, cooperare, sviluppare la creatività e imparare.
Con quanti utenti interagisce il progetto?/How many users does the project interact with? : 
Nel progetto "Progettiamo il Futuro" sono stati coinvolti i bambini di 5 anni (40 alunni) della Scuola dell'Infanzia "Don Rosario Trono" dell'Istituto Comprensivo "Gianserio Strafella" Polo1 di Copertino.
Di quali mezzi o canali si avvale il progetto?/Which media or channels does the project use?: 
Il progetto si avvale del canale Padlet utile alla Didattica Digitale, della piattaforma online di Google Meet per le lezioni virtuali.
Il progetto è già stato replicato? /Has the project already been replicated? : 
Il progetto è stato realizzato per la prima volta nell'anno scolastico 2016/2017 ed è stato riproposto ogni anno incluso l’a.s. 2020/2021, la pubblicazione di un articolo (allegato in formato pdf) della Gazzetta del Mezzogiorno sintetizza l'importanza dell'iniziativa formativa per gli alunni della nostra Scuola e la necessità di garantire negli anni una continuità didattica-educativa. La partecipazione attiva degli alunni e gli obiettivi raggiunti sono stati considerati aspetti fondamentali per riproporre il progetto Coding e Robotica, come ampliamento dell'offerta formativa che caratterizza l'Istituto Comprensivo "Gianserio Strafella" Polo1 di Copertino.
Quali sono le aspettative future?/What are future expectations?: 
L’emergenza Covid ha coinvolto intensamente il modo scolastico, i docenti hanno fronteggiato con ogni mezzo a disposizione le richieste provenienti dagli alunni e dalle famiglie. L’emergenza Covid19 non era stata programmata, ma animati da un profondo spirito di collaborazione e sacrificio siamo riusciti a garantire una DAD in grado di soddisfare le esigenze di tutti. Personalmente ho gestito la piattaforma Padlet, utile per la Didattica a Distanza della Scuola dell’Infanzia dell'Istituto Comprensivo in cui insegno, supportando non solo il personale docente di due plessi di Scuola dell'Infanzia, ma anche le famiglie (circa 200) utenti attivi della piattaforma. Guardo al Futuro facendo tesoro dell'esperienza passata, credo sia utile organizzare dei corsi di formazione, per coinvolgere il personale docente di ogni ordine e grado ed i genitori disponibili a conoscere le gestioni delle varie piattaforme didattiche; al fine di coinvolgere quegli utenti con parziali e insicure conoscenze informatiche. Ritengo importante far conoscere l'importanza e l'utilizzo dei software, degli hardware e di tanti strumenti relativi alla robotica, che correttamente utilizzati offrono un valido supporto alla didattica tradizionale. La conoscenza e l'aggiornamento dei docenti favoriranno il cambiamento verso una didattica innovativa.
Durata progetto/project duration: 
Il Progetto didattico "Progettiamo il Futuro" è stato avviato nel mese di ottobre 2020 fino al mese di giugno 2021.
Risultati ottenuti/Results: 
Il progetto didattico curricolare “Progettiamo il Futuro” è stato svolto nel plesso della Scuola dell’Infanzia “Don Rosario Trono”, coinvolgendo i bambini di 5 anni. Innovativa la metodologia didattica prediletta dall' insegnante, che ha organizzato attività di gruppo con coding unplugged ed anche con l’utilizzo delle bee-bot, dei veri robot a forma di ape e di altri robot forniti dalla Scuola. I bambini stimolati dalle insegnanti, sono diventati dei veri programmatori, tanto in modalità unplugged, quanto con l’utilizzo dei robot hanno imparato a programmare in modo ludico, dimostrando di pensare secondo schemi ordinati e nel rispetto di procedimenti precisi. La didattica laboratoriale ed i giochi in gruppo hanno originato il giusto ambiente di apprendimento, favorendo il raggiungimento degli obiettivi previsti dal suddetto progetto e sviluppando, per ogni bambino, le competenze logiche e la capacità di risolvere i problemi in modo creativo, semplice e divertente. Le diverse attività laboratoriali di coding, sono state documentate con fotografie, da cui emerge l’impegno ed il coinvolgimento dei bambini, durante le attività didattiche di coding. Interesse ed entusiasmo.
Cognome del coordinatore del progetto/project coordinator surname : 
Tempesta
Nome del coordinatore del progetto/project coordinator name : 
Gilda
Il Progetto ha contribuito ad affrontare la pandemia da Covid-19? / Has the project helped facing the emergency of Covid-19? : 
Il progetto "Progettiamo il Futuro" ha contribuito ad affrontare la Pandemia da Covid-19, favorendo l'apprendimento degli alunni stimolati da una didattica innovativa; gli stessi hanno partecipato attivamente ad ogni attività proposta, animati da curiosità e interesse verso l'utilizzo dei robot e delle App intuitive come Bee-Bot, Doc e M-Tiny. Il progetto di Coding e Robotica, considerando l’emergenza Covid-19, che ha coinvolto inevitabilmente il contesto scolastico, è stato rivisitato, è risultata necessaria una riorganizzazione delle attività didattiche, tanto in presenza quanto in DAD. Durante le lezioni in presenza sono stati utilizzati con assiduità i robot, mentre durante le lezioni in DAD i bambini hanno realizzato disegni e materiali utili alle attività di coding unplugged; in tal modo è stata garantita una continuità didattica e formativa.